Il Polittico di Porto San Giorgio

Il Polittico intero di Porto San Giorgio

Quest’opera vide la luce nel 1470 per mano del pittore Carlo Crivelli.

Il Polittico fu opera del pittore Carlo Crivelli e vide la luce nel 1470. Si narra che fu commissionata da un albanese trasferitosi a Porto San Giorgio per essere poi posizionato sull’altare maggiore della Chiesa del Patrono. Quando questa fu demolita nel 1804 per sostiuirla con una nuova, il dipinto fu spostato nella vicina chiesa del Suffragio.

Da questo momento il Polittico iniziò a passare di mano in mano, spostandosi in tutta Europa per interi decenni. Si riferisce che fu vista prima nella dimora della famiglia Salvadori (nobili sangiorgesi), poi acquistata da un ufficiale portoghese, che in seguito arrivò a Londra ed entrò a far parte della collezione di William Ward, conte di Dudley. Nel 1876 il Polittico fu venduto all’inglese Martin Colnaghi, e fu a questo punto che i vari pannelli furono separati e iniziarono ad apparire in vari musei e collezioni del mondo.

Dopo anni i ricercatori riuscirono a ricostruire gli spostamenti delle varie parti dell'opera, e nel 1961, per la prima volta dopo quasi un secolo, in una mostra a Venezia, si poté riammirare temporaneamente il Polittico nella sua interezza.

Oggi i vari pannelli sono esposti nei seguenti musei: 

- I santi Pietro e Paolo: National Gallery, Londra
- La Madonna col Bambino sul trono: National Gallery of Art, Washington
- San Giorgio e il Drago: Isabella Stewart Gardner Museum, Boston
- I santi Caterina d’Alessandria e Gerolamo: Philbrook Art Center, Tulsa
- I santi Antonio Abate e Lucia: Museo Nazionale, Cracovia
- Cristo morto con Madonna, San Giovanni, San Nicodemo e Giuseppe d’Arimatea: Institute of Arts, Detroit